logo

RGB 121-365

Si tratta del sistema additivo, quello usato dai televisori per intenderci. Qualsiasi luce colorata può essere prodotta sommando opportune quantità di rosso, di verde, di blu. E stavo giocando su questo, con effetti vagamente pop e psichedelici. Poi la trasformazione in bianconero, nella quale i diversi grigi sono ancora ottenuti regolando il verde, il rosso e il blu, ma con effetti che influenzano la profondità dei grigi. Vabbè, mi sto dilungando sul tecnico, mi fermo qui. Fatto sta che quest’ultima trasformazione mi è sembrato generare subito un qualcosa di significativo. Qualcosa che ha a che fare con delle sensazioni che provo (ma credo di non essere il solo) piuttosto frequentemente: il disastro. Si, ma…quale disastro. Boh, c’è solo l’imbarazzo della scelta, fate voi.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *